A Gerusalemme, nel vortice di un Bar Mitzvah

Già era ‘l sole all’orizzonte giunto

lo cui meridïan cerchio soverchia

Ierusalèm col suo più alto punto

(Dante Alighieri)

Che strano luogo… Gerusalemme è una città in cui tutto sembra ordinatamente caotico, come se una divinità capricciosa si fosse divertita a mettere in disordine ma con un senso logico. Tipo Paperoga della Disney, che metteva il sale nel barattolo del pepe, il pepe in quello del sale e i risparmi… in quello dei risparmi. Per le strade la gente si urla scherzosamente addosso, come gli abitanti di un piccolo paesello che si conoscono tutti, l’unica differenza è che questa città conta poco meno di 800.000 abitanti. Tutti sembrano piuttosto allegri, forse per reazione alla situazione difficile che vivono, per esorcizzare quanto di più inspiegabile esista nella nostra breve vita.

E’ meraviglioso vedere, nella stessa città, così tanti e complessi modi di intendere il sovrannaturale e la divinità. Questa è una tappa obbligata per chi, come me, è alla ricerca di quella scintilla di verità che l’uomo non trova facilmente, a volte nemmeno in una vita intera. E’impossibile non sentirsi pervasi da un’impalpabile aura di spiritualità e, oserei dire, misticismo. Si è praticamente costretti alla contemplazione del sacro, che sia una moschea dalla cupola dorata, una sinagoga poco appariscente o una basilica nascosta. Possiamo definirla come una ricerca ossessiva del contatto col divino.

Questo non significa che manchi il profano: anche qui il mercato dei souvenirs, delle immagini sacre, delle acquasantiere eccetera è perfettamente attivo, anche più che a Lourdes. Comunque passare per le viuzze medievali, odorose di spezie talmente mischiate da non riuscire a riconoscerle (sfido pure Jean-Baptiste Grenouille!), con le indicazioni delle strade in arabo ed israeliano, le bancarelle del mercato, la folla, è stato fantastico. E poi, meraviglia delle meraviglie, sono finita in mezzo ad un Bar Mitzvah! Non avevo mai visto una cosa del genere prima! Non so se qualcuno di voi, cari lettori, sia ebreo, ma vi posso assicurare che la suggestione di questa festa è notevole, per chi la sa capire. Soprattutto se lo sfondo è il Muro del Pianto (a proposito, mi aspettavo il figlio della Muraglia Cinese e invece è davvero piccolo!). Tanta allegria, tanta voglia di cantare e suonare strumenti folkloristici.

Ho visitato anche il Santo Sepolcro e il Getsemani, luoghi molto belli, anche se mi sono accorta con un certo dolore (ma non con stupore, sinceramente) che riuscivo ogni minuto di meno a trovarne il significato spirituale. Vabbè, è un discorso che vi ho già fatto. A questo punto mi chiedo davvero cosa ne sarà della mia anima.

Un degno ma inquietante interrogativo, lasciato da una città che ti tocca il cuore.

About these ads

12 pensieri su “A Gerusalemme, nel vortice di un Bar Mitzvah

  1. Pingback: Non ha senso ma ha un senso « Vita In Pillole

  2. riguardo l’atmosfera di gerusalemme, mi chiedo se non sia una prerogativa del medio oriente. forse è solo una cosa di noi occidentali.. però credo che tutti riescano a percepire quell’aura di sacralità di cui parli, come se il divino fosse più vicino a noi quando ci troviamo in quei luoghi, come se volesse farsi vedere e sentire.
    non sono mai stata in viaggio per cercare di comprendere qualcosa di superiore, ma devo ammettere che certe città riescono a possederti dal primo momento in cui le vedi.
    e non sai che invidia mi fa leggere questo post proprio ora che una mia cara amica è tornata dalla siria (un viaggio nel quale sarei teoricamente dovuta essere anche io), affascinata più o meno quanto te.. mi immagino come debba essere trovarsi lì con un’alba e una buona colonna sonora.. sigh.

    • ecco brava, forse è proprio l’atmosfera di quei luoghi… mi sono appassionata, dovrei proprio fare un bel viaggetto a Istanbul e Petra xD

      Dai, sarà per un’altra volta, così anche tu scriverai sulla Siria!

  3. Sai Carissima Lady Lindy hai il dono di saper raccontare le cose in modo che la gente le veda.
    Mi sembrava di essere lì con te, in quella città così misteriosa, antica, particolare e piena di gente che ride.
    Sono riuscita a vedere tutto anche il tuo stupore, persino il colore del cielo.
    Quanto alla tua scelta religiosa, non voglio e non posso fare proselitismo, deciderai tu se e quando.
    Un abbraccio forte

  4. Bella la descrizione di questi luoghi così importanti per noi in generale e per chi è credente in particolare.
    Invidio chi ci è potuto andare… a calcare la stessa polvere che ha calcato Cristo.

    Ti lascio un saluto e un sorriso ;-)

  5. Bellissima descrizione della città di Gerusalemme , capitale di Israele, l’unica città che possieda 70 nomi d’amore e di desiderio, il luogo che nelle antiche mappe appare disegnato al centro del mondo, e che ancora oggi è adorata come una giovane sposa.
    Complimenti per il tuo blog.

I tuoi commenti alimentano l'industria dei miei sproloqui. Contribuisci! (Non scordare il bon ton)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...