Tag

, , , , ,

Dopo essere tornata all’amata casa, e dopo aver baciato l’ancor più amato cuscino, sono tornata a dedicarmi a questo lido virtuale. Sorpresi?

Bè, gli impegni sono comunque tanti, ma mi consolo pensando che è primavera e mi sento molto felice. E stressata. Ovviamente, per coloro che dovrebbero formarmi intellettualmente, l’unica materia esistente è quella che insegnano e ci si ricorda di aver mancanza di voti il giorno prima del collegio docenti. Considerando che aprile vola, a maggio avrò una sbudrega di cose da fare e a rimetterci ci  siete, purtroppo, sempre voi lettori. Detto questo, e smaltite le scorie che vi staranno uscendo dalle orecchie, vi do un paio di chicche direttamente dalla Crucconia.

Allora. Come vi avevo (forse) scritto, le ragazze cermaniche non si asciugano maaaaai e dico mai i capelli. Anche se questi sono tipo Raperonzolo e lunghi come l’A1. E li tengono umidi come paludi anche se fuori dalla finestra, rigorosamente aperta, sta nevicando – vi giuro che è successo.  Poi: chiedere dell’acqua naturale in Cermagna è come bestemmiare,  hanno solo delle bevande fottutamente gasate. Proprio da lì arrivano dei fantastici nettari divini tipo la Spezi (Coca Cola + aranciata, il massimo della salute). La vita è più spiccia, più autonoma. I mezzi pubblici si usano in continuazione, perché sono puliti, comodi, veloci, arrivano praticamente ovunque. E’ vero, costano un po’, ma ci sono un sacco di offerte diverse e cumulabili. Con cinque euro per il treno ti giri tutta Monaco con qualsiasi mezzo: usi sempre lo stesso biglietto. Il fumo è visto molto peggio dell’alcool. La birra, soprattutto in Baviera (e te credo!), è bevuta come da noi si beve l’acqua, anche considerando che le specialità del posto son fatte proprio per dare la sete. In compenso con un cicchetto di Vodka ti danno dell’alcolizzata. Quando ho detto che in Italia si possono fare feste anche a 15 anni, ci son rimasti tutti malissimo perché da loro è tutto più rigoroso in questo senso… alle feste vengono ritirate le carte d’identità ai minorenni che possono rimanere solo fino a mezzanotte, a meno che non abbiano una cosetta chiamata Partyzettel, con cui un maggiorenne si prende la responsabilità per il minore. Il modulo Partyzettel dev’essere firmato, controfirmato e comprovato, manco fosse un contratto di compravendita d’immobili.

Spesso i tedeschi della zona in cui ero io si ammalano o hanno lunghi e fastidiosi raffreddori + acciacchi di stagione, perché hanno un clima totalmente sballato. Non si sa mai cosa mettersi. Però, tutto sommato, si vive bene. O meglio, mi chiedo come faranno mai senza quel preziosissimo alleato, compagno di vita, gioiello dell’ingegno umano: il bidet. Quando l’ho rivisto, a casa mia, mi è scesa una lacrimuccia di commozione.