Giro di taglia

Fra le tante cose irritanti dell’estate – e se non credete che esistano, lasciate che vi rinfreschi un po’ la memoria con una delle mie meravigliose liste:

* Le mie liste

* AFA AFA AFA SOFFOCANTE

* Le infradito in città

* Il doversi divertire a tutti i costi

* Il dover bere a tutti i costi

* Il dover andare in discoteca a tutti i costi

* Le discoteche che iniziano la stagione estiva all’aperto

* Le discoteche

* La gente che non vive senza discoteca

* La gente

* Quelli che ti prendono per i fondelli se non sei abbronzato (e io non mi abbronzerò MAI, intesi?)

* Quelli che ti chiedono se sei stato in vacanza

* Quelli che ti chiedono dove sei stato in vacanza

* Quelli che ti chiedono perché non sei ancora stato in vacanza (non so, vuoi un grafico? Sai che c’è gente con dei problemi al mondo? Soldi, famiglia, lavoro, disponibilità, un viaggio in programma in autunno, semplice scelta personale?)

* I film che nel resto del mondo escono d’estate, ma in Italia no, perché qui tutto si deve fermare

* Agosto

* La desolante settimana di Ferragosto

* Le zanzare dannate

* Il fatto che il lardo di colonnata non si trova da nessuna parte (Beh, uno magari a giugno ha voglia di comprarlo, no? Problem?)

* La forza vitale dei tamarri amplificata al 200%

… fra le tante cose irritanti, dicevamo, un posto d’onore hanno i giornaletti poco impegnativi, quelli da spiaggia o da sala d’attesa del parrucchiere. Insomma,  avete capito. Non c’è estate senza quegli insulti alla foresta tropicale. Oggi ho fatto l’errore di comprarne uno, ma grazie a questo mio errore potrete perdere un po’ di tempo davanti allo schermo del pc invece di uscire a godevi il sole come lucertole in coma spalmate di birra a rischio ustione. Lo ammetto: un tempo mi piacevano. Uno mi piace ancora ed è Velvet, fatto veramente benissimo e per niente stupido, ma oggi non era ancora uscito così ho ripiegato sulle solite cosiddette [attenzione! Francesismo in arrivo!] cagate, attratta dal personaggio in copertina, un’attrice di mio gradimento.

Devo dire, a scapito di tutto, che la mia cultura personale si è ampliata tantissimo, ma ho anche capito quanto la mia vita sia terribilmente incompleta. Per esempio: tutti gli articoli, anche quelli che parlano di amatriciana, presuppongono che la lettrice abbia un ragazzo (anzi, un partner). Rendetevi conto della mia assoluta disperazione: non posso nemmeno sperimentare i consigli su come piazzare le mani sulle natiche del mio uomo. Mi è precluso anche il test per scoprire se Per lui sarò solo un’avventura?, fra l’altro già ritrovato nei miei archivi in almeno altri 5 numeri di magazine (sempre estivi). In compenso, non tutto è stato inutile: c’è, per dire, un articolo interessantissimo che spiega in modo dettagliato, articolato e con solide argomentazioni perché non devi mai elencare tutti i tuoi ex all’attuale ragazzo – giuro, mi ha aperto gli occhi.

Ho anche scoperto che dai 20 anni in poi bisogna assolutamente iniziare a preoccuparsi delle prime rughe, sennò poi chissà a 40 come sei messa, e a me è venuta l’ansia perché fra tre anni ci sono già in ballo e rido anche parecchio… un disastro per il viso. Ringrazio ufficialmente articoli come questi, veramente d’importanza capitale per la vita di noi povere gallinelle del pollaio. Ah, non è finita: se non hai la frangia, non sei nessuno. Appuntarsi in agenda di comprare le nude pumps di L. K. Bennett, per somigliare vagamente a Kate Middleclass Sua Altezza Reale la Duchessa di Cambridge. Presentarsi in spiaggia esclusivamente con quintali di gioielli in oro vero, per poi perderli sui fondali marini con nobile nonchalance, ed indossare soltanto cardigan di lana sul bikini come fa Rihanna (Non voglio nemmeno sentire nominare parei e caftani).

Ma basta essere tanto negativi: ci sono anche cose positive durante l’estate. Eccole:

* Il sole tramonta più tardi (anche se tecnicamente dal 21 giugno diminuiscono le ore di luce)

* Puoi mangiare quintali di gelato, ghiaccioli e frappè senza sentirti in colpa, con la scusa del caldo (anche se tecnicamente lo faccio comunque)

* LA BICICLETTA (anche se tecnicamente è godibile già in primavera)

Vi faccio notare che le ultime due sono collegate fra loro: io giro in bicicletta come se non ci fosse un domani, e smaltisco un casino tutti i gelati e le godurie varie [momento "se la tira"]. Perché la bici è potere. Adesso l’avete capito il titolo?

 P.S. Sì, ho cambiato di nuovo il template. Vogliatemi bbbbene.

27 thoughts on “Giro di taglia

  1. Header stupendo!
    per il resto, io amo l’estate ma mi sto rendendo conto d’essere un caso a parte, perché la stragrande maggioranza delle persone che conosco la odia….e vabbè.
    Per il resto, non temere, io do sempre tanti consigli per le single per esempio, essendo una grande zitella!

    • tesoro, sono convinta che se mi mettessero in una sorta di paradiso tipo le scogliere di Dover, St Ives, la Polinesia, la costa azzurra o qualsiasi costa pheega dell’Italia… allora l’estate la odierei meno pure io.
      Un bacione :*

  2. Ok, sono in biblioteca quindi ora ho una connessione decente.
    Come tentavo di dire già da un po’, noooooooo!
    Io amo tutto dell’estate, quindi sopporto tutte le pippe possibili tentando di non lamentarmi troppo (anche se ammetto che i capelli che si appiccicano sul collo creando un microclima speciale con una temperatura aumentata del 300% rispetto a quella esterna mi dà il suo bel daffare).
    Per quanto riguarda la lista, molte delle cose elencate danno fastidio tutto l’anno xD e, almeno qui, non mi sembra che si moltiplichino esponenzialmente durante l’estate. E amo la desolazione della settimana di Ferragosto, se escludiamo il fatto che i negozi sono tutti chiusi, è bellissimo girare per la città deserta, senza tutti i fuorisede che rompono i cosiddetti *-*
    Pure io mangio comunque gelati ecc. pure in inverno, ma d’estate danno più satisfescion ghghghghgh :D

  3. Ho capito…ti piace l’estate da impazzire e non vedi l’ora di rosolarti sotto il sole per poi passare le notti e le albe festaiole della riviera. Bastava dirlo apertamente senza tanti giri di parole.
    a.y.s. Bibi
    P.S. comunque ero uno di questi…in quanto a sole…bere…discoteche..e tutti i vizi derivanti in abbondanza.

    • ah non ti preoccupare, era solo uno di quei momenti di misantropia nei quali odio tutto e tutti. In realtà, come un lettore ha prontamente fatto notare, questa è la “setta dell’ammmore”. Ma la maschero molto bene.

  4. “consigli su come piazzare le mani sulle natiche del mio uomo”?! Ma non dovevano essere i maschietti e piazzare le mani sulle natiche di noi femminucce?! Sono rimasta un po’ indietro coi tempi, eh?
    PS: direi che tra le cose irritanti hai dimenticato gli insetti, che qui sulle prealpi (dove finisce che fa più caldo che a Palermo) compaiono solo a inizio estate… e mi danno sui nerviii!

    • per gli insetti, aspetta con calma i primi di settembre, allora sì che mi scaglierò sadicamente sulle cimici. Però, però… mi hai ricordato che posso aggiungere le DANNATE ZANZARE alla lista.

      “piazzare le mani sulle natiche del tuo uomo” è una cosa che hanno imparato tutti. Ma tu sei rimasta indietro col programma, vero, Pacha? (cit. le follie dell’imperatore)

  5. Hahaha parole sante, le tue!! :D Mi hai fatto tornare alla mente i bei momenti passati a leggere tali riviste con le amiche, prendendo per il cu.. ehm.. per i fondelli chiunque potesse prenderli sul serio. Anche se effettivamente ho trovato tanti begli articoli a puro sfondo didattico, che mi hanno aiutato nelle mie non-relazioni del passato. Mi sono dovuta creare un partnerinvisibileimmaginario per imparare le 10 + 1 tattiche per sedurlo, per poter capire se mi stava tradendo, per sorprenderlo in 69 modi diverso a letto, e via dicendo. Ho anche imparato quanto sia importante avere una bella abbronzatura dorata, cosa molto molto sexy che non ho mai ottenuto da brava mozzarella doc.
    Compliementi per il titolo, azzeccatissimo! :D

    • penso si veda meglio dell’altro.
      (No aspetta, ma la setta dell’ ammmore sarebbe tutto il circuito del mio blog? Ma è una definizione GENIALE! Veramente, devo inserirla da qualche parte!!!)

  6. Quindi insomma devo alfine concludere di essere assolutamente out! Delle cose necessarie per la rivista in questione io non ne faccio né ne posseggo neppure una! Va bene… allora ditelo che mi devo rifugiare nella mia tana e tacere :-(

I tuoi commenti alimentano l'industria dei miei sproloqui. Contribuisci! (Non scordare il bon ton)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...