I’d rather be a comma than a full stop

Rinfrancata dall’aver concluso praticamente tutti i miei impegni con successo, dalle cose crucche ai vari spettacoli, dalla scuola ai vari incontri portati dal dolce vento primaverile, la soddisfazione diventa addirittura una certa gioia scintillante se aggiungiamo l’uscita del nuovo singolo dei semidei Coldplay (Every Teardrop is a Waterfall, con cui probabilmente vi sfrangerò i regal maroni citandolo ogni due per tre), e ovviamente la bellissima sconfitta  del Cirque du Berlusqueil alle recenti elezioni.

E’ proprio uno di quei momenti in cui sei felice di aver tenuto in freezer una bella bottiglia di champagne, a meno che tu non abbia mai toccato un goccio di alcolici come me e non abbia nemmeno l’intenzione di iniziare. Quindi, a pensarci bene, lascerò lo champagne a qualcun altro e festeggerò con voi (ringraziate la mia idiosincrasia verso l’alcool, o non avreste mai potuto leggere una perla di post come questo, non so se mi spiego). E poi, la felicità più grande sta nel costruire dei bei rapporti con le persone a cui tieni, una cosa che si fa giorno per giorno – e mi sta prendendo la crisi da filosofite, non voglio farvi commuovere cerebralmente – perché certi incontri, certe strade che casualmente si incrociano nel gioco della vita, sembrano davvero un dono (di chi? Non lo so). Posso dire che i fili del mio futuro si stanno annodando a gomitolo, ma non ho la minima idea di come faranno a sciogliersi, se lo faranno da soli, se dovrò pensarci io, se ci sarà qualche gatto giocherellone e dudù dadadà, come direbbero Minghi e Mietta.

Due cose sole turbano il panorama soleggiato, due nuvolette bastardine, di cui una è solo colpa mia, mentre per l’altra devo chiedere anche a voi lettori – sì, proprio voi. La prima. Sembro una bimbetta stupida e timidina quando mi ripeto che devo parlare ad una certa persona da mesi, ma poi le parole mi vanno in sciopero che nemmeno a Mirafiori. E’ che sarebbe così terribilmente imbarazzante e nonsense. La seconda: drizzate le orecchie, spalancate gli occhi. Se il 12 e il 13 giugno non andate a votare al Referendum, o voi maggiorenni col potere della matita, giuro che vengo lì con uno scolapasta in testa e vi prendo a randellate. Vi strappo le corde vocali, le cuocio e ci gioco a saltare la corda. Vi taglio i tendini del tallone e poi vi faccio camminare, così il vostro corpo cede e rimangono su solo i piedini. Guardate che potrei andare avanti all’infinito, sono esperta e appassionata di torture sadiche.

E già che ci siete, se non volete provare le mie tecniche da Santa Inquisizione, vedete di crocettare 4 meravigliosi SI’ 

About these ads

20 thoughts on “I’d rather be a comma than a full stop

  1. Allora…. riguardo al problema “lui”…non èè un problema anche se sembra l’Everest.. Te lo dice uno che si trovò a dover consolare la ragazza a cui aveva dichiarato eterno amore e che si era preso un bel due di picche,,risultato: lei in lacrime ed io a fare lo spiritoso.
    E poi dicono che non ci sono motivi per andare……ma lasciamo perdere…argomento Off Topic e Off Age.
    Riguardo alle urne..mi fai quasi venir voglia di non votare….così giusto per vedere…a cosa si arriva…
    scherzo..votate votate..votate..vota Antonio..vota Antonio…vota Antonio…
    a.y.s. Bibi

    • sull’argomento LUI ormai siamo fuori tempo massimo, e sto male a dirlo. Anche se ti ringrazio tantissimo per il pensiero che hai avuto (ti assicuro che di motivi per andarsene ne trovi a qualsiasi età, ma ci pensi in maniera diversa).
      Sul referendum, vuoi mettere alla prova il mio livello di sadismo? :) Stai attento eh!

  2. E’ confermato: ti stimo! E se solo avessi 6 anni in più di quelli che ho andrei anch’io a votare contro questo maledetto nucleare!
    Detesto quelli che dicono: “Ci sono centrali in Svizzera e in Francia, ce le abbiamo proprio sopra la testa, cosa cambia se la facciamo anche noi?”. Io a volte mi chiedo per che scopo hanno il cervello se non lo usano… Lo capisco anch’io che non ho nemmeno 13 anni: più centrali ci sono, più è alto il rischio che esplodano!
    Ho guardato il video, bellissimo, non sapevo che Clio e Guglielmo fossero così conosciuti! :)

    • la stima diventa sempre più reciproca ^^
      sul nucleare il discorso è complesso… e comunque la tesi da te descritta, quella tipica dei nuclearisti più convinti e meno informati, si può confutare facilmente da pochi giorni: perfino la Germania e la Francia stanno abbandonando del tutto il nucleare (Germania) o comunque investono molto di più in altre fonti energetiche (Francia).

  3. allora sono sicura che non ti deluderò, visto che senz’altro andrò a votare.
    comunque, beata te. io è uno di quei momenti in cui prenderei a sberle metà dei miei amici, mollerei il moroso, metterei una bomba nella sede di facoltà, distruggerei tutti gli automobilisti a furia di tamponamenti, e per giunta basta un nonnulla per farmi sbraitare/piangere/imparanoiare. e non sono neanche in sindrome premestruale.

    ps. sarà che io sono sempre stata per il “o la va o la spacca”, ma mi chiedo cosa ti faccia desistere dall’andare a parlargli, chiunque sia.

    • sono appena uscita da un momento del genere, e ti assicuro che sono i periodacci del genere che ti fanno apprezzare veramente quando tutto si calma! :) Quindi vivi anche questo, e di sicuro finirà… più un dolore è forte, meno dura!

      Perché non gli parlo? Non lo so nemmeno io. Sarà che voglio prima mettermi ordine in testa (da circa 2 mesi, ehm ehm) per non buttarmi in cose che non sono certe, sarà che ho una paura fottuta, sarà che non mi piacciono i rifiuti… agh!

  4. ” Vi strappo le corde vocali, le cuocio e ci gioco a saltare la corda”.

    Notevole.

    Sui referendum la mia profezia e’ che si raggiungerà il quorum, e abbondantemente.

    Ciao
    Zac

  5. mi piacciono sempre i “post aggiornamento”.
    confida nel futuro, cara lady, sia per il referendum (pare che stiano crollando anche i destrorsi) che per l’altra questione. le parole verranno, vedrai. dai tempo al tempo! (e alla lingua!)

    • speriamo bene! Egoisticamente parlando, adesso la più urgente è “l’altra questione” :P
      Dato che sul fronte referendum, senza voler menare sfaiga, le cose sembrano migliorare….

      Grazie mille carissimo!

  6. dopo una assenza di molti giorni, ci sei mancata ( plurale maiestatis ), un ottimo post. Ottimo il paragone allo sciopero di Mirafiori per me è sempre stato autunno caldo….. non so se conosci.
    Purtroppo i fili del tuo futuro dovrai scioglierli da sola ma ti assicuro, data la mia vetusta età, che è più facile di quanto sembri.
    Un si l’ho già detto a maggio a giugno i si saranno quattro

I tuoi commenti alimentano l'industria dei miei sproloqui. Contribuisci! (Non scordare il bon ton)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...