Maledette lenti di design

Fra i molteplici nemici da cui devo guardarmi ogni giorno della mia vita, troviamo la vasta schiera dei medici. Ora, io ammiro tantissimo chi fa questo mestiere per sincera passione e magari salva delle vite: sappiate che, ad esempio, uno dei miei mariti ideali è l’incrocio atomico fra il dr. Cox e il dr. House. E poi, il solo passare il test d’ ammissione a Medicina (cioè un po’ come farsi una vacanza nel Sahara alle 14 di Ferragosto e uscirne vivi senza mai bere), fa dei medici delle persone da chapeau.

Però, fatta questa premessa, io veramente c’è una cosa che non sopporto. La sfrangiosissima, orrendissima, schifosissima visita dall’oculista. Guardate, preferirei anche il dentista (e ve lo dice una che ha messo 5 apparecchi consecutivi, la cui area spaziava dal palato alle gengive, e si è sentita consigliare la rimozione del labbro inferiore). Almeno lì conosci il nemico, come recita la prima regola dell’Arte della Guerra di Sun Tzu. Lo sai che se vai dal dentista avrai una bocca stile eruzione vulcanica per, se ti va bene, almeno una settimana e mezzo. Lo sai che ti metterà le manazze fra le fauci e tu non ci vedrai più dal dolore, perché ovviamente l’anestesia avrà qualcosa che non va. Però, è consolatorio pensare che almeno il dentista ha sempre un certo timore delle tue reazioni: ha paura che tu ti metta a correre attorno alla sedia minacciando denunce e ritorsioni, o che ti metta a gridare e mordergli le falangi.

L’oculista è tutta un’altra storia: prima della visita vivi nell’incertezza. Sul foglio vedi scritto “controllo generale”, ma cosa vorrà mai dire? Significa che ti fai vedere sulla porta, saluti, lui ti guarda la pupilla con quell’oggettino infernale e poi puoi salutare, ciaociao arrivererci masifiguri graziealei? Oppure devi rimanere dieci ore ad aspettare, mezz’ora in ambulatorio a farti contare anche il numero di ciglia e poi altre ventordici ere geologiche ad aspettare l’effetto delle fottute gocce?

Ah, le gocce! Vogliamo parlarne? Ovvio che sì. Non so voi, ma credo che farsi sguizzare quella maledetta acqua del Demonio dentro l’occhio sia una delle torture più strazianti dell’umanità, subito dopo la Vergine di Ferro. Preferirei ascoltare a loop (quasi) infinito Meno male che Silvio c’è. Io, poi, sono un caso particolare: la mia disgrazia è che i miei occhiettucci verdi non vogliono stare aperti. Appena vedono il tubetto vanno in sciopero. Quando ero piccola, non riuscivano ad ingannarmi nemmeno col vecchio trucco delle gocce “di Minni”, “delle Winx” o prese in giro del genere (erano assolutamente uguali alle altre). Quindi mi ritrovo sempre a litigare con la povera infermiera di turno, che continua a pregarmi con voce sempre più stridula “Cara, caaaaara – immaginatela mentre il viso si contrae in un falso sorriso – per favoooore, apri l’occhio, ecco, un attimo ed è fatto”.

Un attimo ‘sti gran cazzi, scusate il francesismo. Prima mi dice che il liquido non è entrato, e invece io lo sento benissimo che mi infetta la capacità visiva, poi cerca di convincermi ad una seconda seduta di supplizio, infine passa al secondo occhio e tutto si ripete uguale, se non peggio. E intanto io ribollo, vorrei tanto lacrimare ma ormai i miei “specchi dell’anima” sono entità indipendenti che non specchiano più un cavolo. Quante volte, cara infermiera, ti manderei a raccogliere la diarrea con lo scolapasta!

E poi, dopo che sono rimasta un eone in sala d’aspetto per sfoggiare le mie immense pupille, cosa fa il geniale oculista? Mi fa leggere dalla celeberrima e odiosa lavagna luminosa con tutte le lettere (si accettano scommesse su eventuali messaggi subliminali). Ma santa pazienza spappolata, come minchia faccio a vederci qualcosa se mi sembra di essere immersa in una bolla di nebbia manco fossi Sailor Mercury? Ti pare logico?

Risultato: sono cecata. Miope fino al midollo. E’la crescita, dicono. Intanto mi servono gli occhiali, che contribuiranno in modo decisivo a peggiorare il già malmesso aspetto del viso. Perché io non sono una di quelle che fa sembrare gli occhiali un oggetto di design: non ci sono portata.

30 thoughts on “Maledette lenti di design

  1. anche io devo mettere gli occhiali, anche io sono miope. E dato che ho già l’apparecchio penso che gli occhiali non miglioreranno la situazione :( Almeno non dovrò allungarmi come una giraffa per vedere alla lavagna perchè, per chi sa quale strano incantesimo, le prof. mi hanno messo nell’ultima fila nell’angolo, nonostante la bassa statura e la mia nuova amica Miopia.
    Quindi ti capisco. :)

  2. Pingback: L’umore nero va con tutto « Vita In Pillole

  3. mi unisco alla ragazza con la valigia nel darti il benvenuto nel magico mondo delle talpe!
    sarà che sono cecato da quando avevo cinque anni e quindi per me ormai la visita dall’oculista è come andare a prendere il pane, sarà che il mio oculista è mia mamma, ma anche se fosse io non preferirei MAI il dentista all’oculista! (a me il dentista scrisse “controllo” e poi mi estirpò un dente nonostante il mio “direi di farlo.. il mese prossimo!”)
    certo, le malefiche goccioline sono veramente malefiche. ma ti danno per un’oretta quel fascino manga che a qualcuno magari sta bene.

    • povero caro. Non ti invidio per niente le visite così frequenti, fra l’altro a me l’effetto manga piace un sacco finché si parla di Ai Yazawa, ma sui miei occhi proprio no.

  4. Commento Off Topic..
    Il tema scelto mi crea grossi problemi di visualizzazione…sono solo io o altri hanno lo stesso problema?
    a.y.s. Bibi
    P.S. nel primo caso..puoi buttare via il mio commento e fregartene…

    • ho provato a guardare con un altro browser (google chrome ed explorer) e vedo tutto bene… tu quale usi? In particolare che problemi ci sono? Proverò a mettere a posto qualcosa a seconda del disagio… nel frattempo mi scuso e giro anche agli altri lettori la tua domanda: avete qualche problema nella visualizzazione?

      Speriamo sia solo dovuto all’”assestamento”… o magari è wordpress…

  5. Non si è mai troppo giovani per rovinarsi la vita con gli occhiali. Io ho cominciato a 7 anni, ma solo perché in età prescolare l’oculista non volle visitarmi in quanto secondo lui non avrei saputo distinguere le lettere!(tzè).
    Comunque ti posso assicurare che le lenti a contatto mi hanno cambiato la vita. Le porto da quando avevo dodici anni, quindi son già oltre 4 lustri, e la miopia per me non è più un problema. Gli occhiali li ho sempre aborriti, salvo rifarmi con quelli da sole…

    • anche io li avevo alle elementari, ma li boicottavo allegramente. Poi non se ne è più parlato perché parevo avere la vista perfetta: io allora me li sono scordati.
      Le lenti a contatto mi fanno una paura boia, non le metterò MAAAAAI!
      PS. Grazie di essere passata! Torna pure quando vuoi, io faccio un giro da te :)

  6. In realtà noi talpe abbiamo un fascino della madonna!
    Abbiamo quello sguardo perso e sognante che fa credere a tutti che stiamo pensando pensieri profondi.
    In realtà stiamo pensando “chi c… è quello lì?!?.

    • io questo sguardo ce l’ho già, anche senza occhiali, ma più che affascinante molti lo definiscono “espressione da ebete” o “da invasata”.
      Grazie, comunque del bel pensiero.
      Torna pure quando vuoi! :)

  7. Purtroppo io sto diventando cecato..partendo dai miei 10/10 giovanili a quelli attuali che non voglio ancora sapere quanto sono ….ma dal fatto che faccio fatica a riconoscere mia moglie capisco che la cosa è seria.
    Certo che uno non lo invogliate mica ad andare dall’oculista dopo sti racconti.
    a.y.s. Bibi

  8. benvenuta nel magico mondo delle talpe!
    resisti, la cosa buona dell’oculista è che, al contrario del dentista, in genere è solo una visita l’anno – almeno, io ho sempre fatto una visita l’anno, e a volte anche meno – e soprattutto potrai sentirti legittimata a far spendere a tua mamma 400€ per un accessorio di grande marca (dal momento che degli occhiali la cosa che costa è la lente, un paio di chanel non viene a costare tanto di più di una marca scrausa). e se hai bisogno di un consiglio per trovare un paio di occhiali che ti stiano bene, io sono disponibile ^^

    ps. io ho il tuo stesso problema con le gocce, e ho risolto così: tieni l’occhio chiuso (non serrato, diciamo come quando ti trucchi), la goccia la metti lì, e POI apri l’occhio. è molto meno una tortura, anche se lo devi fare in due volte perché entra solo metà della goccia :D

    pps. ma non ci hai dato l’informazione più importante! la domanda che tutti i miopi si scambiano dalla notte dei tempi, e cioè: quanto ti manca? :D

    • grazie del benvenuto U_U
      dovrebbe tirarmi su.
      Ma, purtroppo, ciò non avviene (non per colpa tua, eh).
      Anche io avevo pensato ad un bel paio di Chanel, montatura rigorosamente nera, così da poter almeno fare la fescìon aicon a dispetto della costrizione… l’alternativa sarebbero le terribili lenti a contatto, che non metterò MAI a costo di venir legata e incatenata au pilori!
      Io ho un viso dai lineamenti piuttosto regolari, le guance un po’ pienotte, naso piccolo e carino (mi concederai un po’ di vanità su naso e occhi ^^), forma fra il tondo e il quadrato.
      Quanto mi manca? A dir la verità poco, ma non mi ricordo i gradi esatti… tra l’altro sono diversi fra occhio sx e dx…

    • LOL la descrizione del viso è un po’ ambigua XD (più che altro perché per il viso quadrato sarebbero meglio occhiali tondi e viceversa, quindi non saprei come accomunare le due cose).
      così su due piedi, ti consiglierei un paio di occhiali su questo genere http://www.suneyez.com/open2b/var/pages/25.jpg (ovviamente, quelli che porta gisèle bundchen, non gli altri da sole) o questi http://www.madeinitaly-e.net/open2b/var/catalog/images/8901/0-e06c7a11-550.jpg che siano larghi in modo da far vedere gli occhi (visto che li consideri un tuo punto di forza) e che ti puoi permettere se hai un naso piccolino (e allo stesso tempo non sono enormi -tipo quelli un po’ da bimbiminkia che vanno adesso e che sono orrendi).
      le cose ovviamente cambiano se hai i capelli lunghi o corti, se gli occhi sono grandi o piccoli, se hai il viso piccolo o grande.. :D diciamo che con le informazioni che mi hai dato, quelli di cui ti ho mandato i link mi sembrano carini ^^

      • genio! mi piacciono tantissimo, e non solo perché li porta la Giselona. In effetti, erano un po’ sullo stile che avevo pensato, quindi mi confermi che come personal shopper non sarei uno schifo :)
        I capelli sono castani, quindi non allargano eccessivamente il viso, e per ora arrivano alle spalle nelle ciocche più lunghe (sono scalati), ma ho intenzione di lasciarli allungare ancora perché si formano i boccoli *-*

I tuoi commenti alimentano l'industria dei miei sproloqui. Contribuisci! (Non scordare il bon ton)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...